Renato Ridolfi Al Convegno At Salut

Renato Ridolfi e il dialetto 009sabato 21 marzo 2015 Riportiamo integralmente l’intervento di Renato Ridolfi al Convegno At salut sul dialetto marradese organizzato dal Centro Studi Campaniani e dalla Biblioteca comunale:

Cari organizzatori dell’ evento odierno, Vi dico “bravi e avanti” per salvare le nostre radici. Come era scritto nello Statuto del Comune del 1991 all’art 1 e all’art 15 …ne valorizza la storia e le tradizioni (culturali, di lingua e di costume) nelle sue espressioni di lingua, costumi e tradizioni locali…   Poiché mi avete invitato nei lavori del convegno, metto a vostra disposizione una parte di quanto negli anni ho messo insieme. Vi anticipo una mia personale valutazione del “dialetto”. L’ho sfumato in tre momenti:

1-romantico

2-satirico

3-moralistico

Partendo da tale presupposto eccovi le mie esperienze

Primo momento: nel 1967 collezionai ESTASI . Partecipai, prima ed ultima volta, alla “Pignataza” di Castelbolognese, poesia dialettale romagnola. Fui notato e valutato

ESTASI

Davȃnti la marȇna,

ch’la m’pé rasereneda,

am scord e d’cà e d’la streda,

tant ch’ l’è ch’la m’ trascȇna.

 E guardend tra che gli ond,

ch’li ven e ch’i s’avia,

me a vègg un étar mond,

un’étra poiesia.

E mer l’ha ‘nt’i colur

e drȇnt l’increspadura

la forza de Signur,

la b’lezza d’la natura.

 E l’an’ma la s’luntȃna

Insem a i cavalȏn

e, quend ch’la tôrna n zôna

l’è bur e on ‘gnè piò incion.

 

Estasi

Davanti alla marina,

che mi sembra rasserenata,

mi dimentico di casa e della strada,

tanto è che mi trascina.

E guardando tra quelle onde,

che vengon e vanno via,

io vedo un altro mondo,

un’altra poesia.

Il mare ha nei colori

e dentro l’increspatura

la forza del Signore,

la bellezza della natura.

E l’anima si allontana

Insieme ai cavalloni

e quando ritorna a riva,

è buio e non c’è più nessuno.

R.Ridolfi_S.Zacchini

R.Ridolfi_S.Zacchini

Momento satirico

Prima degli anni cinquanta Marradi aveva un piccolo comitato per l’incremento turistico culturale che pensò a tirar fuori se vi fosse l’arte pittorica. L’impresa fu affidata al prof. Sergio Zacchini, solerte e capace, sempre pronto per il buon nome della sua terra. Si mosse e l’esito fu brillantissimo per Marradi ed i suoi giovani talentuosi. Oggi ancora si notano i successi. Io scrissi per l’occasione “La mostra di Pitur”

 

E.Gordigiani  e sig.a A.Cassigoli-G.Biagi-Donatini-I.Zambelli

E.Gordigiani e sig.a A.Cassigoli-G.Biagi-Donatini-I.Zambelli

LA MOSTRA DI PITUR

Chi l’ha vȇst passè in “lambretta”

Che pareva un coridȏr i arà dett: s’éla sta fretta?

Lo o s’amaza profesôr.

Mò lu e vioga per la streda

E si ciacara  on i bȇda .

D’zerta lu l’ha molt da fé…

co s’ē mess t’na béla fésta!

Ress a chep d’un comité

ch’zerca i què da nôm di artȇsta!

Ma in te fond lu l’è sicur

d’fé la mostra di pitur.

O iè stè l’esposizion

d’tôta roba fata in cà,

d’tôt i artèsta de Cȏmon,

forsi trenta e nenc piò in là,

vȇra mostra d’la pitura con pȇss gross e la fritura

“Bene, bravo, complimenti!”

Tȏtt in jȇva, visitend:

“ai farȇn  un monument,

proprie bèl s’on se n’ofend!”

E lu e gionfa e zô di’ enchȇn

A chi sort e a quei chi vȇn,

Onorevoli e pittori

proprie quei chi la sa dì,

iè stè tra i visitatori

e ié armast ammutolì

per c’là roba messa a là

proprie roba fata in cà.

Pȏ e gran dé d’la premiazion,

drent te cine di Animosi,

senza trȏpa confusion,

senza spine e senza rosi,

dop e Sendic e e Prior

o scorȇtt e Professor.

Un salut a quȇi chi iera,

un bel grazie a Gordigiani,

un arvdȇrz a premavera

e a la fȇn un batiman

ch’l’ha siglè la gran speranza

d’arnovè la zircostanza.

E az’avien con tanta nostalgia

scorȇnd e de futur e de passé

tra i lamp ed’fôj d’una fotografia

ch’l’ha fissè ‘n t’la storia  la zornè.

 

Gordigiani -Ridolfi

 Adéss e nostr’amig o s’rà content

Ch’o i ariv ‘ste penser en Paradis.

O sarà un pzoltȇn de monument

Ch’i eva proméss e mei ièva dezis

a t’arcordȇn tra i Grend d’la tu zità

ch’ié stè  tȇnt e chiȇtre chi v’nirà.

E con San Pier festȇzza sta zorneda

che a Marè l’an sarà scordȇda.

                        Finirò  col terzo momento: Il morale dedicato alla saggezza di Fedro strenuo combattente contro i prepotenti. Definiamoli benevolmente “Bastian contrari” Nella mia pubblicazione “Nondum matura est”

Ricordando le favole di Fedro in dialetto marradese” del novembre 2005 a pag 7 Collezionai tra l’altro “E lov e l’agnel” Libro I, 1

foto 3 

E lôv e l’agnèl

 

Per la grand sȇd i ariva a là ‘nte fȏss

Un lȏv ed sȏra e’n aglinȇn più bas.

E lȏv te v’dȇ c’la lȃna sȏra ‘e mas,

o i rûggia préténziȏs, la béva a e gôs:ȇȇ

“ Perchè t’um trȏvde l’aqua ch’a vôi bȇ?”

E c’ l’ètre  d’en t’e fond: “ Mȏ l’è  ‘n prétȇst,

se tè t’sȇ préria  e a mè om  vȇn e tu rèst.

Ma c’la lègera e vȇra o ne vô v’dȇ:

-Che tȇ dȇtt mel ed mè, l’an l’è passé!”

-S’a iò sȇ mis e gnanc an te c’noscsȇva!”;

- L’é stè e tu bab, alȏra, ch’o m sfotȇva!”-

E sȇnza fé tȇnt scûrs  o s’l’e magnè.

‘Sta n’ vèla la va bȇn per chi zaltrôn

che ‘n tûtt i môd i vô avȇ rason.

Il Lupo e L’Agnello

Un giorno un lupo e un agnello, spinti dalla sete, si trovarono a bere al medesimo ruscello. Mentre il lupo stava in alto, l’agnello era più in basso. Ed ecco che il brigante, spinto dalla sua insaziabile fame, suscitò un pretesto per litigare. – Perché – disse il lupo – hai reso torbida l’acqua che sto bevendo? L’agnellino, spaventato, replicò: – Come potrei fare ciò di cui ti lamenti, lupo? L’acqua parte da te e poi scende alla mia bocca – Sconfitto dalla forza della verità il lupo disse: – Hai sparlato di me sei mesi fa -L’agnello rispose: – Veramente non ero ancora nato -Ma il lupo urlò di nuovo: – Allora fu tuo padre a parlar male di me – E lanciandosi sul povero agnellino lo sbranò, dandogli ingiusta morte. Questa favola è stata scritta per gli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti.

Questo il mio apporto. Grazie per il paziente ascolto. Fine del tormento Av salut!

Renato Ridolfi

 

_.

.

Powered by WordPress | Palm Pre Reviews at Palm Pre Blog. | Thanks to Juicers, Free MMO and Fat burning furnace