La scomparsa di Giuseppe Matulli nel ricordo di tanti politici ed amici

Beppe Matulli
domenica 18 febbraio

Il nostro giornale esprime sentite condoglianze alla famiglia di Giuseppe Matulli e si associa al dolore dei suoi tanti amici e della politica marradese, mugellana e fiorentina che perde un indubbio protagonista di tante stagioni politiche della Prima e della Seconda Repubblica. Abbiamo scelto di ricordarlo con le parole di Riccardo Nencini e della sua amica di Crespino Sul Lamone

Riccardo Nencini: conosceva bene Giuseppe Matulli. Pur su sponde diverse ne era amico e ha spesso lavorato fianco a fianco nell’attività politico-istituzionale. Ora gli dedica un pensiero affettuoso e commosso.

Colto, preparato, la politica come scelta di vita, alla vecchia maniera. Un orizzonte vitale, la politica, quando ti metti al servizio di una piccola comunità, quella dove sei nato, dopo aver trascorso tutta una vita in istituzioni prestigiose.

Beppe Matulli è stato un mugellano a tutto tondo: solido come lo è chi proviene dalla montagna, lontano dai fuochi d’artificio della città; di poche parole, per lo più sagge; uomo di potere, si, ma senza farsene un vanto; mai integralista, nemmeno quando la DC dominava.

Ci siamo incontrati spesso nonostante la differenza d’età. Rispetto e condivisione di una passione violenta per il Mugello e per la storia, lui cattolico democratico io socialista, dalla stessa parte però quando si trattava di difendere Firenze, di attrarre finanziamenti per le opere pubbliche, dalla stessa parte anche quando c’era da difendere un diritto leso.

Ricordo il sorriso di Beppe. Pacato e garbato. Lo porto con me.

Irene Alpi:Tra gli interventi tenuti durante la cerimonia funebre a Marradi, di addio a GiuseppeMatulli, c’è stato quello di Irene Alpi, presidente del Comitato Onorcaduti di Crespino del Lamone e Fantino. Lo pubblichiamo qui.

Ringrazio sentitamente il Sindaco Tommaso Triberti per avermi chiesto di portare il saluto all’amico Beppe Matulli del Comitato Onorcaduti di Crespino del Lamone e Fantino, dell’APS Crespino Culturale, e dei Crespinesi nella mia veste di presidente.
Voglio iniziare questo mio intervento leggendo l’ultimo messaggio che con Beppe ci siamo scambiati il 26 gennaio.
“Io ho cominciato la mia lotta contro un tumore ai polmoni che credo mi accompagnerà per la parte terminale della mia vita.
Ma a 85 anni bisogna accettare la realtà. Ti ringrazio per tutta l’amicizia che tu con Don Bruno, ma direi tutta Crespino mi avete sempre dimostrato, e che io avevo sempre sperato di venire a ringraziare nel prossimo luglio. Non sarà possibile e bisogna accettare quello che la vita ci riserva.
Un grandissimo abbraccio Beppe.”

Caro Beppe, voglio ricordarti così in quella espressione di profonda amicizia e stima che ti legava e ci legava, ci hai sempre onorato della tua presenza per lunghissimi anni, tanti, più di venti! Dove con le tue parole piene di significato e ricche di affetto hai onorato i nostri caduti nelle Commemorazioni Ufficiali dell’Eccidio, questa la presenza predominante, ma sempre pronto a dare la tua disponibilità ogni qualvolta fosse richiesta.
Già nel tuo volto avevo letto il profondo dispiacere per non essere potuto esserci l’anno scorso alla commemorazione per i già presenti problemi di salute, e quel rammarico si è fatto sempre più forte quando hai capito che non ci sarebbe stata una prossima volta!
Io caro Beppe ti faccio la promessa che in questo 80° il 21 di luglio, sarai presente, non come avresti voluto tu, ma nel ricordo di tutti noi!

Ho imparato a conoscerti circa vent’anni fa quando ho cominciato a muovere i primi passi nel Comitato, ad organizzare le Cerimonie insieme a Don Bruno tuo carissimo amico e Alberto Nati, la mia stima e ammirazione per te sono sempre stati sentimenti forti nei tuoi confronti, con la certezza che tu c’eri, era quasi un silenzio assenso. Le più volte ti scrivevo a febbraio l’invito e senza ombra di dubbio senza risentirci
sapevo che ci saresti stato! E puntualmente arrivavi con la giacca che tenevi sulle spalle, e cominciavi a dispensare a tutti i saluti, e nel tuo volto traspariva la gioia di essere li. Si perché come ci hai dimostrato era un appuntamento importante al quale non avresti mai rinunciato, era un ritrovare vecchi e nuovi amici, parlare un po’ di tutto, insomma essere nella tua terra natia, che ti apparteneva e ti apparterrà per
sempre.
Mancherai a tutti noi caro Beppe, mancheranno le tue sentite orazione delle quali eri un autentico maestro. Mancherà quel tuo cordiale sorriso! Mancherà quel tuo salire la scalinata al momento dell’orazione ufficiale, portare il tuo pensiero con forza, pensieri sempre attuali e di anno in anno sempre nuovi! Non è cosa facile! Ma tu lo sapevi fare! eccome se lo sapevi fare!
Poi ridiscendere e risederti in mezzo ai presenti, perché era il tuo modo di sentirti unito a tutti.
Concludo con un pensiero di Salvador Allende: Noi vivremo in eterno in quella parte di noi che abbiamo donato agli altri.

E tu caro Beppe, penso che tu abbia dato tanto al prossimo! Quindi fai buon viaggio, rimarrai per sempre nei nostri cuori.
Grazie

I soci del Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini” puntano alla qualità culturale affidandosi al rinnovamento ed alla collegialità nella scelta dei dirigenti della prestigiosa istituzione nel triennio 2024/2027.

giovedì 1 febbraio

A seguito delle elezioni per il rinnovo degli organi statutari del Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini, cui hanno concorso 98 soci sabato 20 gennaio, si è riunito e si è insediato convocato dal Sindaco di Marradi, Tommaso Triberti, lunedì 28 gennaio il Consiglio di amministrazione che ha così deliberato l’organigramma di vertice per il triennio 2024 2027: La quadriga di testa è così composta :
Copresidenti Gianna Botti e Walter Scarpi.
Vicepresidenti Barbara Betti e Leonardo Chiari

Consiglieri eletti :
Sara Naldoni
Raffaella Ridolfi
Chiara Benedetti
Lorenzo Somigli
Stefano Drei
Giambattista Zambelli
Alessandro Mazzerelli.
Il nuovo CDA ha subito iniziato a lavorare all’insegna della compartecipazione e della condivisione per portare avanti La prestigiosa istituzione che ha anche eletto il Comitato Scientifico composto dai Professori: L. Bonaffini C. Mileschi G.Da Filicaia G. Turchetta M.Verdenelli
Il consiglio entrante non ha mancato di esprimere il proprio ringraziamento ai membri del precedente CDA per il lavoro svolto con particolare riferimento alla presidente uscente Mirna Gentilini, al vice Rodolfo Ridolfi alla tesoriera Anna Gentilini che non si sono ricandidati.

Marco Mancini eroico servitore dello Stato presenta a Faenza “Le regole del gioco”

giovedì 25 gennaio
Sarò felice di dare il benvenuto a Faenza, a Casa Spadoni venerdì 26 gennaio, a Marco Mancini che presenta il suo bel libro “Le Regole del Gioco”. Nel 2014 a sostegno di Marco Mancini che ha guidato il controspionaggio italiano scrivevo pubblicamente: FINE DI UN INGIUSTO CALVARIO GIUDIZIARIO PER MARCO MANCINI
La gogna mediatica ed il calvario giudiziario durati undici anni cui è stato sottoposto Marco Mancini strenuo difensore dello Stato e della sicurezza di tutti noi cittadini dall’attacco eversivo del terrorismo islamico sono finiti e questo ci rende felici. Rimane tuttavia il tentativo che si è determinato in questa assurda vicenda di trasformare valorosi militari fedeli alle istituzioni in delinquenti da condannare a nove anni di carcere come nel caso di Mancini. Ironia della sorte, un po’ come sta accadendo in India, per i nostri due marò. Rimane lo sconcerto per chi ripagherà i nostri valorosi militari e le loro famiglie del danno subito e soprattutto chi risponderà del danno e dell’indebolimento che tutti noi abbiamo subito con il discredito gettato sui nostri servizi di sicurezza e con l’allontanamento dalle funzioni che nell’ambito della nostra sicurezza uomini come Marco Mancini esercitavano. E’ uno strano Paese quello dove gli eroi vengono fatti passare per carnefici e i terroristi e i loro amici vittime. Le istituzioni della Romagna sentano almeno il dovere di esprimere riconoscenza e vicinanza a Marco Mancini, come noi facciamo pubblicamente da un decennio.
Dopo dieci anni mi onorero di salutare questo italiano valoroso con il quale condivido comuni amici, di vecchia data anche nell’Arma dei Carabinieri, dove Marco fu carabiniere fin dal 1979, dove ha partecipato a operazioni cruciali per la sicurezza del nostro Paese nella Sezione speciale anticrimine di Milano fondata dal Generale Carlo Alberto dalla Chiesa per combattere i terroristi delle Brigate Rosse, Prima Linea e Nar e poi come agente segreto dello spionaggio e del controspionaggio in Africa, nei Paesi dell’Est Europa, in Libano e Iraq. Autentico protagonista del “Controspionaggio offensivo” che ha inventato e messo in pratica con successo per molti anni con il suo libro ci fa capire e ci presenta una storia d’Italia inedita vissuta e scritta da chi ha vissuto per difendere tutti noi e la nostra democrazio il grande intreccio dei servizi segreti internazionali dedicando tutto se stesso a sventare attentati ed impedire conflitti. Leggere il suo libro “Le Regole del Gioco” edito da Rizzoli è una occasione da non perdere

Rodolfo Ridolfi Commendatore al Merito della Repubblica Italiana

Congresso Provinciale di Forza Italia: forte rappresentanza azzurra del Mugello-Alto Mugello

alcuni dirigenti azzurri del Mugello con Marco Stella
mercoledì 20 dicembre Forte rappresentanza del Mugello-Alto Mugello nei vertici provinciali di Forza Italia
Si è celebrato domenica 17 dicembre a Campi Bisenzio all’Hotel 500 Firenze, il congresso provinciale di Forza Italia-Partito Popolare Europeo, chiamato ad eleggere il coordinatore, il coordinamento provinciale ed i 5 delegati al Congresso Nazionale. Significativa la presenza delle azzurre e degli azzurri del Mugello-Alto Mugello fra gli eletti. I lavori del Congresso presieduto dall’on. Raffaele Nevi alla presenza del coordinatore regionale Marco Stella, sono stati aperti dalla relazione del coordinatore Provinciale Paolo Giovannini che presentando la mozione congressuale ha detto fra l’altro: Per Forza Italia il congresso è un momento atteso e importante: un giro di boa dopo il grande lavoro fatto con il tesseramento su cui abbiamo puntato grazie al Segretario Tajani nel solco di un uomo, un politico, un imprenditore straordinario come Silvio Berlusconi.

Giovannini è stato eletto per acclamazione insieme ai membri del nuovo coordinamento provinciale ed ai 5 delegati al Congresso Nazionale di Roma del 24 25 Febbraio 2024. Forte la rappresentanza del Mugello Alto Mugello: Silva Gurioli responsabile della Zona Mugello-Alto Mugello è stata eletta insieme a Davide Galeotti (Borgo San Lorenzo), Carolina Mangiapelo (Dicomano) Claudia Dominici (Vaglia) e Raffaella Ridolfi (Marradi) nel Coordinamento Provinciale, Rodolfo Ridolfi capogruppo nell’Unione dei Comuni e consigliere comunale di Palazzuolo Sul Senio, delegato nazionale, Angelo Di Meo (Firenzuola) sarà il nuovo responsabile provinciale della Sanità e Giovanni D’Uva (Barberino del Mugello) guiderà ancora l’organizzazione dei Seniores azzurri. Di particolare rilievo gli interventi nel dibattito dell’on Erika Mazzetti (parlamentare del Mugello), Giovanni D’Uva, Raffaella Ridolfi e Claudia Dominici. Concludendo i Lavori Marco Stella ha sottolineato come: Forza Italia continui a crescere ed il partito mostri grande vitalità. Il 9 giugno andranno al voto 183 Comuni nella nostra regione, ed è importante che la base di Forza Italia rinnovi e scelga dopo i coordinatori provinciali anche i dirigenti locali. I numerosi congressisti hanno poi partecipato alla tradizionale cena azzurra per gli auguri di Natale

Iscriz. nel rg. del Tribunale di Firenze il 3/06/2010 n. 5780, Direttore Responsabile RAFFAELLA RIDOLFI